Su "Variazioni" e "la baita" di Tommaso Dell'Era