Letteratura (com)e politica: la scrittura ‘teppista’ di Arundhati Roy