nel saggio si propone una breve storia del teatro meridionale nel Settecento,tra commedie, opere buffe, tragedie e feste teatrali. In particolare sono oggetto di studio le tragedie di Michele Sarcone (Teodosio il Grande, 1773) e di Francesco Bernardino Cicala (Gli Arsacidi, 1798) e le feste teatrali di Michele Satcone (Cerere placata, 1772) e di Francesco Saverio Massari (Daunia felice, 1797).

'Quaeta non movere'. Per uno studio della tragedia politica nel Settecento napoletano

MINERVINI, FRANCESCO SAVERIO
2007

Abstract

nel saggio si propone una breve storia del teatro meridionale nel Settecento,tra commedie, opere buffe, tragedie e feste teatrali. In particolare sono oggetto di studio le tragedie di Michele Sarcone (Teodosio il Grande, 1773) e di Francesco Bernardino Cicala (Gli Arsacidi, 1798) e le feste teatrali di Michele Satcone (Cerere placata, 1772) e di Francesco Saverio Massari (Daunia felice, 1797).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/19408
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact