Il saggio analizza la funzione drammaturgica della nozione di romanesque nella comemdi molieriana, con particolare riferimento alle Furberies de Scapin, l'ultima farsa di Molière. Si mettono a confronto due strategie: quella puramente comica, che assegna al romanesque un valore dinamico nell'intreccio, e quella patetica, che assegna invece una prospettiva temporale alla fabula e segnala nella commedia moderna l'ingresso di una diacronia.

Mensonge romanesque et vérité dramaturgique. Le romanesque entre comédie moliéresque et comédie larmoyante

PORCELLI, Maria
2009-01-01

Abstract

Il saggio analizza la funzione drammaturgica della nozione di romanesque nella comemdi molieriana, con particolare riferimento alle Furberies de Scapin, l'ultima farsa di Molière. Si mettono a confronto due strategie: quella puramente comica, che assegna al romanesque un valore dinamico nell'intreccio, e quella patetica, che assegna invece una prospettiva temporale alla fabula e segnala nella commedia moderna l'ingresso di una diacronia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/19216
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact