In questo lavoro, dopo una breve rassegna della letteratura economica in tema di distretti industriali, clusters e altre forme di agglomerazione territoriale di imprese, si presenta un’analisi della distribuzione delle imprese e dei lavoratori occupati nei comuni dell’area metropolitana di Bari (la principale provincia della regione Puglia nel Sud-Italia). Basata sui dati ISTAT (Censimento dell’Industria e dei Servizi, 2001 e 2011), essa mira a identificare i caratteri distintivi della struttura economica e i principali cambiamenti intervenuti nel modello di sviluppo locale, nel periodo compreso tra i due rilevamenti censuari. Nel complesso, i principali risultati mettono in luce un generale consolidamento dei processi di ampliamento delle attività immateriali e di deindustrializzazione dell’economia locale, con un aumento del peso degli addetti nel settore terziario rispetto all’industria: il commercio e i servizi rappresentano i settori più vivaci, mentre si assiste a una progressiva perdita di posti di lavoro nel settore manifatturiero, segnale di un progressivo spostamento delle attività immateriali verso imprese specializzate nel comparto dei servizi. Dal confronto con i dati del 2001, si rileva comunque una generale tenuta delle specializzazioni produttive dei territori nei diversi settori, almeno rispetto al corrispondente andamento regionale.

In the present work, after a brief review of the economic literature on industrial districts, clusters and other forms of territorial agglomeration of firms, an analysis of the distribution of firms and employees across the municipalities of the metropolitan area of Bari (the main province of the Apulia region in Southern Italy) is presented. This is based on ISTAT data (Industry and Services Census, 2001 and 2011) and aims at identifying the distinctive features of the economic structure at the local level as well as the main changes characterising the model of local development in the period between the two census surveys. All in all, main results highlight an overall consolidation of the processes of expansion of intangible activities and deindustrialisation of the economy, with an increase in the share of employees within the tertiary sector at the detriment of industry: trade and services turn out to be the most vibrant sectors of the economy, whereas manufacturing activities are experiencing increasing job losses, which points to a progressive shift of intangible activities from large vertically integrated manufacturing firms to other firms specialised in services. With respect to the 2001 figures, however, very few differences emerge concerning the productive specialisations of the municipalities in the different sectors, at least compared to the same trend at the regional level.

Il sistema economico dell'area metropolitana di Bari: struttura e specializzazioni territoriali

CAPRIATI, Michele
;
2015

Abstract

In the present work, after a brief review of the economic literature on industrial districts, clusters and other forms of territorial agglomeration of firms, an analysis of the distribution of firms and employees across the municipalities of the metropolitan area of Bari (the main province of the Apulia region in Southern Italy) is presented. This is based on ISTAT data (Industry and Services Census, 2001 and 2011) and aims at identifying the distinctive features of the economic structure at the local level as well as the main changes characterising the model of local development in the period between the two census surveys. All in all, main results highlight an overall consolidation of the processes of expansion of intangible activities and deindustrialisation of the economy, with an increase in the share of employees within the tertiary sector at the detriment of industry: trade and services turn out to be the most vibrant sectors of the economy, whereas manufacturing activities are experiencing increasing job losses, which points to a progressive shift of intangible activities from large vertically integrated manufacturing firms to other firms specialised in services. With respect to the 2001 figures, however, very few differences emerge concerning the productive specialisations of the municipalities in the different sectors, at least compared to the same trend at the regional level.
9788866114970
In questo lavoro, dopo una breve rassegna della letteratura economica in tema di distretti industriali, clusters e altre forme di agglomerazione territoriale di imprese, si presenta un’analisi della distribuzione delle imprese e dei lavoratori occupati nei comuni dell’area metropolitana di Bari (la principale provincia della regione Puglia nel Sud-Italia). Basata sui dati ISTAT (Censimento dell’Industria e dei Servizi, 2001 e 2011), essa mira a identificare i caratteri distintivi della struttura economica e i principali cambiamenti intervenuti nel modello di sviluppo locale, nel periodo compreso tra i due rilevamenti censuari. Nel complesso, i principali risultati mettono in luce un generale consolidamento dei processi di ampliamento delle attività immateriali e di deindustrializzazione dell’economia locale, con un aumento del peso degli addetti nel settore terziario rispetto all’industria: il commercio e i servizi rappresentano i settori più vivaci, mentre si assiste a una progressiva perdita di posti di lavoro nel settore manifatturiero, segnale di un progressivo spostamento delle attività immateriali verso imprese specializzate nel comparto dei servizi. Dal confronto con i dati del 2001, si rileva comunque una generale tenuta delle specializzazioni produttive dei territori nei diversi settori, almeno rispetto al corrispondente andamento regionale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
areametropolitana.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 2.82 MB
Formato Adobe PDF
2.82 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/190901
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact