Il Saggio introduttivo al Fons vitae di Avicebron, ovvero il filosofo e poeta ebreo andaluso Salomon ibn Gabirol (1021-1058), ricostruisce nel primo capitolo la storia delle edizioni e delle traduzioni del testo, nella doppia versione in cui esso si è conservato – quella latina (che rappresenta il livello più antico dell’opera), e quella ebraica (un’epitome ad opera di Shem Tov Falaquera). Si colloca in questo contesto anche la ricognizione delle fonti esplicite ed implicite utilizzate dall’autore, che offre la possibilità di cogliere, in concreto, la continuità fra l’eredità filosofica della Tarda Antichità e la cultura ebraica medievale.

Avicebron e il Fons Vitae: contesto, struttura e ricezione nell'Occidente Latino

BENEDETTO, MARIENZA
2007

Abstract

Il Saggio introduttivo al Fons vitae di Avicebron, ovvero il filosofo e poeta ebreo andaluso Salomon ibn Gabirol (1021-1058), ricostruisce nel primo capitolo la storia delle edizioni e delle traduzioni del testo, nella doppia versione in cui esso si è conservato – quella latina (che rappresenta il livello più antico dell’opera), e quella ebraica (un’epitome ad opera di Shem Tov Falaquera). Si colloca in questo contesto anche la ricognizione delle fonti esplicite ed implicite utilizzate dall’autore, che offre la possibilità di cogliere, in concreto, la continuità fra l’eredità filosofica della Tarda Antichità e la cultura ebraica medievale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/18970
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact