La ricezione del discorso politico: scatola nera o poliedro «multifaccia»?