Il malato di mente “giudiziario” fra esigenze di cura e opportunità trattamentali