Il noto passo di Ulpiano in materia di rapporti di vicinato,D.8.5.8.5, è oggetto di una rilettura che mette a fuoco il ragionamento condotto da Aristone intorno alla possibilità di configurare, nell'ipotesi delle immissioni di fumo conseguenti a una attività casearia, il materiale esercizio del contenuto di un diritto (di servitù) senza che fosse mai stato costituito, presupposto che spiegherebbe anche il ricorso all'interdetto uti possidetis.

Aristone e i fumi della taberna casiaria

STARACE, Pia
2008

Abstract

Il noto passo di Ulpiano in materia di rapporti di vicinato,D.8.5.8.5, è oggetto di una rilettura che mette a fuoco il ragionamento condotto da Aristone intorno alla possibilità di configurare, nell'ipotesi delle immissioni di fumo conseguenti a una attività casearia, il materiale esercizio del contenuto di un diritto (di servitù) senza che fosse mai stato costituito, presupposto che spiegherebbe anche il ricorso all'interdetto uti possidetis.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/17903
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact