Il saggio rilegge le categorie fondamentali del pensiero politico schmittiano (stato d'eccezione, amico-nemico, decisionismo) alla luce del suo costante confronto con la crisi dello stato liberale. Lo "stato d'eccezione" altro non è che la stessa "crisi d'autorità" che attraversa l'intera Europa. Tale crisi, secondo Schmitt, si affronta istituendo un "katéchon" ai processi di secolarizzazione che attraversano la modernità. Da qui la necessità di un nuovo "nomos" della terra.

Carl Schmitt o la fine della modernità

BISIGNANI, Adelina Rita
2016

Abstract

Il saggio rilegge le categorie fondamentali del pensiero politico schmittiano (stato d'eccezione, amico-nemico, decisionismo) alla luce del suo costante confronto con la crisi dello stato liberale. Lo "stato d'eccezione" altro non è che la stessa "crisi d'autorità" che attraversa l'intera Europa. Tale crisi, secondo Schmitt, si affronta istituendo un "katéchon" ai processi di secolarizzazione che attraversano la modernità. Da qui la necessità di un nuovo "nomos" della terra.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Schmitt.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 160.87 kB
Formato Adobe PDF
160.87 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/173784
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact