Crisi mondiale e nostalgici della "liretta"