L'esilio e la morte di Ovidio in un'elegia di Angelo Poliziano