Ne bis in idem. Ariosto legge Ovidio due volte