Da Lessing a Hegel: la “dolce eguaglianza” e il “regno di Dio”