Il “caso” Sterne nel primo Novecento