Cesare Borgia in piedi e in ginocchio, tra Machiavelli e Castiglione