La scrittura “ipotestuale” della storia nell’era di Internet