Ovidio censore dei mimi: Trist.2,497-520