La “Questione d’Oriente” rivisitata attraverso l’inedita corrispondenza europea e la visione orientale di Giuseppe Costantino Ludolf, inviato borbonico a Costantinopoli nell’immediata Restaurazione e a San Pietroburgo dalla vigilia della rivoluzione decabrista e alla nascita dello stato greco.

Gli “Affari d’Oriente” nella corrispondenza di un diplomatico borbonico a San Pietroburgo (1824-1826)

PEZZI, Massimiliano
2014

Abstract

La “Questione d’Oriente” rivisitata attraverso l’inedita corrispondenza europea e la visione orientale di Giuseppe Costantino Ludolf, inviato borbonico a Costantinopoli nell’immediata Restaurazione e a San Pietroburgo dalla vigilia della rivoluzione decabrista e alla nascita dello stato greco.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/139526
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact