LA PERCEZIONE DEL FENOMENO TROMBOEMBOLICO VENOSO NELLA PRATICA CLINICA QUOTIDIANA