In margine al "Discorso sopra il vero fine delle lettere e delle scienze" di Antonio Genovesi