Sulla "sana e prudente gestione" delle fondazioni bancarie