Il saggio analizza il concetto del “male “ in Benedetto Croce ponendolo in relazione con l’analisi kantiana del medesimo concetto. Per Croce l’errore ed il male non esistono in sé, non sono, in altri termini, elementi costitutivi della realtà. L’errore e il male esistono solo perché vi è il bene che li corregge. Il processo di purificazione e catarsi è l’unico momento in cui il male esiste ma solo in quanto il bene lo supera. Croce pone il male nella sfera pratica, per la precisione nella sfera dell’utile, per cui lo statuto logico del concetto di male tende a sovrapporsi a quello di sfera pratica.

Il problema del male in Croce tra la Logica e la Filosofia della Pratica

CHIELLI, ANGELO
2010

Abstract

Il saggio analizza il concetto del “male “ in Benedetto Croce ponendolo in relazione con l’analisi kantiana del medesimo concetto. Per Croce l’errore ed il male non esistono in sé, non sono, in altri termini, elementi costitutivi della realtà. L’errore e il male esistono solo perché vi è il bene che li corregge. Il processo di purificazione e catarsi è l’unico momento in cui il male esiste ma solo in quanto il bene lo supera. Croce pone il male nella sfera pratica, per la precisione nella sfera dell’utile, per cui lo statuto logico del concetto di male tende a sovrapporsi a quello di sfera pratica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/13397
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact