Pensiero, concetto, linguaggio. Sull'utopia fenomenologico-cognitiva di Adorno