Ermanno Rea e la "dissolvenza" dei professori