Riuso della tradizione e canone poetico nel Rinascimento meridionale