Il cibo come segno nelle opere giovanili di Giovanni Verga