L’imperfezione non è il limite, ma la qualità di fondo del laico. E’ la tesi del libro che per esempi significativi (Boccaccio, Machiavelli, Manzoni, Tozzi, Croce, Serra, Gramsci) ne analizza la condizione attraverso le forme della scrittura letteraria. Per essa il laico dice la sua condizione di uomo, racconta la sua miseria, attesta la inevitabilità del suo ‘errore’, ma rende così i bagliori della sua natura, i percorsi terreni nei quali, in virtù di quelle forme, sa di consistere.

IL LAICO IMPERFETTO. SCRITTURA ED 'ERRORE' IN BOCCACCIO, MANZONI, TOZZI, CROCE, GRAMSCI

BRUNETTI, Bruno
2005

Abstract

L’imperfezione non è il limite, ma la qualità di fondo del laico. E’ la tesi del libro che per esempi significativi (Boccaccio, Machiavelli, Manzoni, Tozzi, Croce, Serra, Gramsci) ne analizza la condizione attraverso le forme della scrittura letteraria. Per essa il laico dice la sua condizione di uomo, racconta la sua miseria, attesta la inevitabilità del suo ‘errore’, ma rende così i bagliori della sua natura, i percorsi terreni nei quali, in virtù di quelle forme, sa di consistere.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/12440
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact