Su "Metodo fenomenologico statico e genetico" di Edmund Husserl