“Le voci nel mio palmo distese: scritture dello spodestamento e della diseredazione”