Il rosso muove e vince. Da Bush a Bush