Il console giudice nel de officio consulis di Ulpio Marcello