Software ed integrazioni verticali: il caso Microsoft