L’art. 114, comma 6-bis, c.p.p. vieta la pubblicazione delle immagini di persone in vinculis, a tutela della riservatezza e della presunzione di non colpevolezza. Il divieto – che può venir meno soltanto con il consenso della persona interessata – è peraltro quotidianamente violato dagli operatori dell’informazione, risultando del tutto inadeguato l’apparato sanzionatorio predisposto dal legislatore. La trasgressione integra, infatti, un mero illecito disciplinare, non essendo applicabile l’art. 684 c.p. che punisce la pubblicazione arbitraria di «atti» o «documenti» del processo penale.

Il divieto di pubblicare immagini di persone private della libertà personale e sottoposte a mezzi di coercizione fisica

TRIGGIANI, Nicola
2008

Abstract

L’art. 114, comma 6-bis, c.p.p. vieta la pubblicazione delle immagini di persone in vinculis, a tutela della riservatezza e della presunzione di non colpevolezza. Il divieto – che può venir meno soltanto con il consenso della persona interessata – è peraltro quotidianamente violato dagli operatori dell’informazione, risultando del tutto inadeguato l’apparato sanzionatorio predisposto dal legislatore. La trasgressione integra, infatti, un mero illecito disciplinare, non essendo applicabile l’art. 684 c.p. che punisce la pubblicazione arbitraria di «atti» o «documenti» del processo penale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/11479
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact