Eroe rivoluzionario o condottiero fedele alla monarchia? Interpretazioni di Garibaldi durante il fascismo