Scopo del contributo è quello di individuare i criteri e il modello interpretativo che Ovidio adotta nella lunga lezione di letteratura rivolta al princeps in Tristia 2. Significativa appare la rilettura sub specie amoris dei poemi omerici e dell'Eneide: quest'ultima assume il carattere di una sorprendente rivelazione che investe i contenuti del quarto libro e i gusti del pubblico contemporaneo a Ovidio.

LA POESIA D'AMORE AL DI FUORI DELL'ELEGIA D'AMORE: UNA LEZIONE DI LETTERATURA AL PRINCIPE

CICCARELLI, Irma
2005

Abstract

Scopo del contributo è quello di individuare i criteri e il modello interpretativo che Ovidio adotta nella lunga lezione di letteratura rivolta al princeps in Tristia 2. Significativa appare la rilettura sub specie amoris dei poemi omerici e dell'Eneide: quest'ultima assume il carattere di una sorprendente rivelazione che investe i contenuti del quarto libro e i gusti del pubblico contemporaneo a Ovidio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/10973
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact