Il volume affronta diverse problematiche, riconducibili all'espressione - forse impropria, ma efficace - di "fiscalità giudiziaria": da un lato, infatti, sono analizzati dal punto di vista della disciplina tributaria i redditi erogati dal Ministero della giustizia secondo il Testo Unico in materia di spese di giustizia D.p.r. 30 maggio 2002, n. 115 e percepiti da magistrati (anche non professionali: giudici di pace, giudici onorari, ecc), consulenti tecnici, periti e custodi giudiziari, soggetti che effettuano intercettazioni telefoniche, interpreti, testimoni, ecc.; dall'altro, è affrontata la questione dell'assoggettabilità ad Iva delle prestazioni di servizi rese o delle cessioni di beni poste in essere nell'ambito del processo.La trattazione esamina poi i tributi di carattere giudiziario quali l'imposta di registro sugli atti giudiziari ed il contributo unificato di iscrizione a ruolo, per poi passare all'analisi delle disposizioni fiscali riguardanti le vendite giudiziarie e le procedure fallimentari.Il testo presenta quindi un sicuro interesse anche di carattere pratico e professionale non solo per i dirigenti e funzionari dell'amministrazione giudiziaria, ma anche per i professionisti che a diversotitolo effettuano prestazioni di servizi in favore dell'autorità giudiziaria (avvocati, commercialisti, medici chiamati ad eseguire consulenze tecniche, visite specialistiche o autoptiche) e finanche per imprenditori che svolgono attività ausiliarie a quelle giudiziarie (custodi giudiziari, società di intercettazioni telefoniche, ecc.).

ATTIVITA' GIUDIZIARIA E IMPOSIZIONE TRIBUTARIA

URICCHIO, Antonio Felice
2009-01-01

Abstract

Il volume affronta diverse problematiche, riconducibili all'espressione - forse impropria, ma efficace - di "fiscalità giudiziaria": da un lato, infatti, sono analizzati dal punto di vista della disciplina tributaria i redditi erogati dal Ministero della giustizia secondo il Testo Unico in materia di spese di giustizia D.p.r. 30 maggio 2002, n. 115 e percepiti da magistrati (anche non professionali: giudici di pace, giudici onorari, ecc), consulenti tecnici, periti e custodi giudiziari, soggetti che effettuano intercettazioni telefoniche, interpreti, testimoni, ecc.; dall'altro, è affrontata la questione dell'assoggettabilità ad Iva delle prestazioni di servizi rese o delle cessioni di beni poste in essere nell'ambito del processo.La trattazione esamina poi i tributi di carattere giudiziario quali l'imposta di registro sugli atti giudiziari ed il contributo unificato di iscrizione a ruolo, per poi passare all'analisi delle disposizioni fiscali riguardanti le vendite giudiziarie e le procedure fallimentari.Il testo presenta quindi un sicuro interesse anche di carattere pratico e professionale non solo per i dirigenti e funzionari dell'amministrazione giudiziaria, ma anche per i professionisti che a diversotitolo effettuano prestazioni di servizi in favore dell'autorità giudiziaria (avvocati, commercialisti, medici chiamati ad eseguire consulenze tecniche, visite specialistiche o autoptiche) e finanche per imprenditori che svolgono attività ausiliarie a quelle giudiziarie (custodi giudiziari, società di intercettazioni telefoniche, ecc.).
8838748438
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/105745
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact