Una questione sul tempo contrattuale di lavoro