L'appropriazione dell'immateriale. Quali limiti?