Lavorare tra realtà e percezioni